Cassazione: presunzione di conoscibilità dell’atto che ammette però prova contraria

Un fallimento tra pochi intimi – Valida la consegna dell’istanza a persona di famiglia

Nel giudizio prefallimentare la notifica di un atto a mezzo del servizio postale si considera rituale e andata a buon fine se il plico viene consegnato a “persona di famiglia” che, pur non avendo uno stabile rapporto di convivenza con il notificando, sia a lui legato da vincolo di parentela. Il destinatario può contestare la modalità di notifica dimostrando che la presenza nella propria abitazione del soggetto che ha ritirato il plico, nella specie la moglie separata, era del tutto occasionale.

Così ha statuito la Cassazione con l’ordinanza n. 11228 del 28.4.2021 che ha confermato la sentenza della Corte di appello di Bari con la quale era stato respinto il reclamo proposto ai sensi dell’art. 18 I. fall. dal ricorrente, in proprio e quale ex socio della snc, avverso la sentenza dichiarativa di fallimento del Tribunale di Foggia per l’intervenuta estensione del a, che coincideva con il luogo di residenza del ricorrente, tramite la consegna al soggetto qualificatosi all’Ufficiale quale “moglie incaricata della ricezione degli atti”. Il giudice di secondo grado aveva ritenuto sussistente la presunzione (iuris tantum) di ricezione della notificazione ai sensi dell’art. 139 2 comma cpc, effettuata presso l’abitazione del destinatario mediante consegna al familiare, posto che anche la moglie separata con pronuncia giudiziale di addebito al marito è considerata come persona di famiglia, perché il rapporto di coniugio cessa solo con la pronuncia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio (v. Cass. 18085/2013).fallimento anche ai soci illimitatamente responsabili.

Secondo la Corte del merito la notifica degli atti aò reclamante e all’impresa individuale di cui era titolare, effettuata presso l’indirizzo di posta elettronica della snc, si era perfezionata presso la sede della fallit

La Cassazione risolve la questione affermando la sussistenza del vincolo presuntivo di cui all’art. 139 cpc. Nello specifico, condividendo l’orientamento costante di legittimità (§ 5.3.1.), la Corte riafferma il principio secondo cui “in tema di notificazioni, la consegna dell’atto da notificare “a persona di famiglia”, secondo il disposto dell’art. 139 cod. proc. civ., non postula necessariamente né il solo rapporto di parentela – cui è da ritenersi equiparato quello di affinità – né l’ulteriore requisito della convivenza del familiare con il destinatario dell’atto, non espressamente menzionato dalla norma, risultando, all’uopo, sufficiente l’esistenza di un vincolo di parentela o di affinità che giustifichi la presunzione che la “persona di famiglia” consegnerà l’atto al destinatario stesso; resta, in ogni caso, a carico di colui che assume di non aver ricevuto l’atto l’onere di provare il carattere del tutto occasionale della presenza del consegnatario in casa propria, senza che a tal fine rilevino le sole certificazioni anagrafiche del familiare medesimo (così, verbatim, Sez. 6 – L, Ordinanza n. 21362 del 15/10/2010; v. anche Cass. Sez. 1, Sentenza n. 18085 del 25/07/2013)”.

Sulla presunzione della convivenza temporanea nell’abitazione del destinatario della “persona di famiglia”, pur se separata con pronuncia giudiziale e residente altrove (§ 5.3.2.), che abbia preso in consegna l’atto (Cassazione n. 1843/1998, n. 7455/1997, 615/1995, 6100/1994, 2348/1194), il legislatore fonda altresì la presunzione di sollecita consegna del plico, superabile con la prova contraria della presenza occasionale e temporanea del familiare stesso (così le pronunce nn. 187/2000, 5671/1997, 737/1997).

Gli Ermellini rilevano, infine, come il reclamante non abbia fornito la prova contraria mancando di articolare istanze istruttorie dirette a dimostrare il carattere occasionale della presenza del consegnatario nella residenza del coniuge separato (§5.3.2.): l’unica prova testimoniale articolata sulla veridicità dell’attestazione contenuta nella relata di notifica sul luogo di ricezione dell’atto avrebbe dovuto essere contestato con la querela di falso.

Avv. Paola Cavallero

#Studiomainini

FOCUS TEAM: RESTRUCTURING AND FINANCE

FOCUS TEAM: RESTRUCTURING AND FINANCE

 

  • Studio Legale De Sensi
  • Studio Mainini & Associati
  • Studio Mazza

Lo Studio Mainini & Associati, lo Studio Legale De Sensi e lo Studio Mazza si uniscono a sostegno delle imprese.
Le tre realtà professionali, operanti su tutto il territorio italiano, danno vita ad un progetto unitario per supportare le imprese che, a seguito della crisi, prima sanitaria, poi anche economica, si trovino in difficoltà finanziaria. Per ritrovare competitività diventa fondamentale recuperare velocemente l’operatività ed espandere il circolante rafforzando la struttura finanziaria dell’impresa.
Questo progetto nasce dall’idea di una resilienza dell’imprenditore italiano unica al mondo. Innovazione, organizzazione e duro lavoro hanno sempre contraddistinto il tessuto imprenditoriale italiano e l’obiettivo del focus team “restructuring and finance” vuole essere quello di affiancare l’imprenditore nel suo rilancio economico.

1. Nelle situazioni di tensione finanziaria, stiamo fianco a fianco degli imprenditori che si trovano a dover affrontare la crisi della loro impresa, sotto diverse sfaccettature, sia imprenditoriali sia finanziarie.

2. Linee guida per la gestione della finanza aziendale e diversificazione mediante la presentazione di nuove idee e strumenti finanziari innovativi e complementari al canale bancario: salvaguardare la continuità aziendale, sostenere la ripresa, lo sviluppo ed il rilancio.

3. Servizi di analisi della struttura amministrativa contabile e controllo gestione.

In tre parole: ristrutturazione, finanza, consulenza.

o Territorio: copertura nazionale (Roma, Milano, Napoli, Torino, Caserta, Bologna,Trento).

o Focus Experties: diritto delle imprese in crisi, gestione dell’allerta interna ed
esterna, finanza, diritto tributario, gestione amministrativa e contabile,
consulenza societaria.

o Squadra:
· Referenti: Prof. Avv. Vincenzo De Sensi, Avv. Francesco De Sensi, Avv. Pier
Angelo Mainini, Dott. Aldo Mainini, Dott. Pasquale Mazza.
· Team: Avv. Andrea Filippo Mainini, Avv. Roberto De Vito, Avv. Mennato Fusco,
Dott. Mattia Brozzi, Dott. Luca Minni.

o Skills:

– Ristrutturazione e governance societaria: Prof. Avv. Vincenzo De Sensi, Avv.
Francesco De Sensi, Avv. Pier Angelo Mainini, Avv. Andrea Filippo Mainini,
Dott. Brozzi, Dott. Minni.
–  Accounting e fiscalità: Dott. Aldo Mainini, Dott. Pasquale Mazza e Avv.
Mennato Fusco.
–  Compliance societaria: Avv. Roberto De Vito.

Backoffice: 70 professionisti
www.studiomainini.it / www.studiodesensi.it / www.studio-mazza.com

Corti territoriali: Tribunale di Milano, Tribunale di Busto Arsizio, Tribunale di
Monza, Tribunale di Roma, Tribunale di Trento

Network: Assolombarda, Insol Europe, American Bankruptcy Institute

Dicono di noi: 2018 – Legal community: Eccellenze Territoriali, Studio dell’anno
diritto societario; 2017 – Legal Community: Studio dell’anno restructuring; 2017 –
Le fonti awards: Boutique legale di eccellenza per la consulenza societaria.

Curricula:

· Prof. Avv. Vincenzo De Sensi: iscritto all’Ordine degli Avvocati di Roma, Avvocato Cassazionista. E’ fondatore dello Studio Legale De Sensi con ampia esperienza in particolare nei settori del diritto societario e della crisi di impresa. Ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale di Professore associato di Diritto Commerciale. Dal 1997 al 2000 è stato Ricercatore presso il Ceradi Luiss Guido Carli, svolgendo attività di ricerca sui più rilevanti dissesti industriali in Italia. Dal 2000 al 2005 è stato titolare dell’insegnamento integrativo in Diritto Fallimentare presso la Facoltà di Giurisprudenza della Luiss Guido Carli. Nell’anno accademico 2007-08 ha tenuto il corso di Diritto Fallimentare presso l’Università Roma Tre. E’ titolare degli insegnamenti di Diritto della crisi d’impresa e Corporate Restructuring and Turnaround rispettivamente presso il Dipartimento di Giurisprudenza ed il Dipartimento di Impresa e Management dell’Università
Luiss Guido Carli di Roma. Nel medesimo Ateneo insegna presso la Scuola
di Specializzazione delle Professioni Forensi ed il Master in Diritto Tributario, Contabilità e Pianificazione Fiscale. Ha svolto inoltre attività di docenza in Diritto Fallimentare italiano presso l’Università Deusto di Bilbao.
È autore di numerosi articoli di dottrina, di interventi in trattati di Diritto
Commerciale nonché di due monografie.

· Avv. Pier Angelo Mainini: Iscritto all’Ordine degli Avvocati di Milano, Avvocato Cassazionista, Iscritto all’albo dei Revisori Legali. Sin dall’inizio della sua professione si occupa di diritto fallimentare e societario. Ha ricoperto la carica di Curatore fallimentare in numerose procedure nonché la carica di Presidente del collegio sindacale o di revisore in S.r.l., S.g.r., S.p.A. anche quotate e di istituti di credito. Avvocato di riferimento di numerose Società di primaria importanza sul territorio italiano, referente legale per il Ministero dello Sviluppo Economico ed il Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, nonché avvocato nominato dal Tribunale di Milano e Monza per la gestione delle procedure fallimentari.

· Dott. Aldo Mainini: Iscritto all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli
Esperti Contabili di Milano nonché all’albo dei Revisori contabili con D.M.
del 12/04/1995. Presidente e membro di diversi Collegi sindacali in primarie società nazionali anche quotate in borsa. Membro in diversi Consigli di Amministrazione di importanti società nazionali. Commissario Straordinario per conto del Ministero dello Sviluppo Economico. Curatore fallimentare, Liquidatore e Commissario Giudiziale presso il Tribunale di Milano dal 1998. Perito e consulente tecnico per le trasformazioni societarie e per le Custodie giudiziarie presso il Tribunale di Milano.
Referente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di
Milano.

· Dott. Pasquale Mazza: Iscritto all’Albo D.C.E.C. di Trento e Rovereto dal 1990 (n. 175/A) ed al Registro dei Revisori Legali (D.M. 12/04/1995). Attività di consulenza ed assistenza in materia fiscale, contabile e societaria, anche con riguardo ad operazioni straordinarie e di risanamento aziendale. Incarichi di sindaco e revisore legale dei conti di società ed enti. Liquidatore di società. Incarichi giudiziari (curatore fallimentare, commissario liquidatore, commissario giudiziale, liquidatore giudiziale, C.T.U.).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo Studio ringrazia per l’attenzione riservatagli e rimane a disposizione perogni ulteriore chiarimento.

La qualificazione giuridica del calciatore dilettante nelle procedure fallimentari

La qualificazione giuridica del calciatore #dilettante nelle #Procedure Fallimentari

 

La figura del calciatore dilettante è da sempre caratterizzata da un assoluto vuoto di tutela a causa del fatto che non esiste né nell’ordinamento sportivo né in quello civile nazionale, una disciplina giuridica compiuta, essendo regolati solo alcuni aspetti specifici, in particolare di diritto tributario.

La Legge n. 91 del 1981 sul professionismo sportivo, infatti, si è limitata a definire la categoria dei calciatori professionisti, individuando nella continuità, nell’onerosità e nella qualificazione da parte della Federazione d’appartenenza, i caratteri che la prestazione dell’atleta deve avere per potersi configurare il professionismo sportivo.

Non si è fatto, tuttavia, accenno alla più ampia categoria dei calciatori dilettanti, che, pertanto, si devono ritenere esclusi dall’applicabilità della normativa.

Anche le N.O.I.F. (Norme Organizzative Interne della F.I.G.C.), a livello federale, si astengono dal fornire una definizione chiara della categoria dilettantistica, aggiungendo all’art. 29 comma 2 che: “Per tutti i calciatori “non professionisti” è esclusa ogni forma di lavoro, sia autonomo che subordinato”.

A differenza di quanto accade per i professionisti, pertanto, tutti i calciatori dilettanti non potranno stipulare alcun contratto individuale di lavoro con le società per le quale sono tesserati, né tantomeno potranno ricevere da queste ultime somme o altre erogazioni a titolo di retribuzione.

Ferma restando tale esclusione, la normativa federale prevede (articolo 94 ter) l’obbligo per i calciatori non professionisti tesserati per società partecipanti ai Campionati Nazionali della L.N.D. (Lega Nazionale Dilettanti), di sottoscrivere con queste ultime degli accordi economici annuali relativi alla prestazione sportiva che verrà fornita.

Da queste premesse sul tema sembra essere del tutto pacifica la natura chirografaria del credito dei calciatori dilettanti in una possibile procedura fallimentare che coinvolga una società di calcio relativamente al mancato pagamento del corrispettivo pattuito negli accordi economici sopraccitati (eventualità, purtroppo, neanche troppo remota, considerati gli svariati esempi di apertura di procedure fallimentari nei confronti di società di calcio avvenuti negli ultimi anni).

Sul punto, tuttavia, a parer dello scrivente, è doveroso soffermarsi esaminando il tenore dell’accordo economico riconosciuto dalla F.I.G.C. e delle pronunce giurisprudenziali in merito che si sono susseguite nel tempo.

Infatti, dalla disamina dell’accordo economico che viene sottoscritto dal calciatore dilettante e dalla società, emergono chiaramente indici di subordinazione, a prescindere dall’indicazione nello stesso dell’espressa esclusione di “ogni forma di lavoro subordinato”.

Tali indici si riscontrano innanzitutto all’art. 3 di detto accordo che prevede la possibilità per i calciatori di proporre un reclamo innanzi alla C.A.E. (Commissione Accordi Economici della Lega Nazionale Dilettanti) in caso di inadempienza della società; all’art. 5 che contempla la corresponsione della retribuzione all’atleta a cadenza pressoché mensile, ed ancora, all’art. 6 che prevede la possibilità di erogazione di sanzioni in caso di inadempimento contrattuale.

Ulteriormente confermativo in tal senso il fatto che i calciatori tesserati per una società dilettantistica abbiano l’obbligo di presenziare a tutti gli allenamenti della squadra nei luoghi indicati dalla società, nonché di partecipare alle gare ufficiali disputate dalla stessa.

La tesi della subordinazione dei calciatori qualificati come dilettanti, come detto, è stata più volte ribadita anche dalla giurisprudenza di merito.

Sul punto, in particolare, preme richiamare l’ordinanza del Tribunale di Pescara del 18 ottobre 2001 (Foro it, 2002, I, 897), in cui si afferma testualmente che “Il tenore volutamente «universale» scelto dal legislatore (in riferimento all’art. 43 Dlgs 286/98) consente, poi, di ritenere che ogni attività di rilievo sociale costituisca oggetto di protezione, e non soltanto quella che rivesta un preminente significato economico-professionale. La distinzione (peraltro assai sfuggente nell’agonismo del nostro tempo) tra professionismo e dilettantismo nella prestazione sportiva si mostra priva di ogni rilievo, non comprendendosi per quale via potrebbe mai legittimarsi una discriminazione del dilettante”.

Anche la pronuncia del TAR Lazio (Sezione Terza – ter, 12 maggio 2003, n. 4103), esaminando la legittimità di una norma regolamentare della F.I.P., ha incidentalmente osservato che: “certamente la mancata applicazione al settore del basket femminile della legge 23 marzo 1981 n. 91 è la vera causa della vicenda quando, come nel caso in esame, appare difficile configurare come dilettantistica un’attività sportiva comunque connotata dai due requisiti richiesti dall’art. 2 (remunerazione comunque denominata e continuità delle prestazioni) per l’attività professionistica”.

Con riferimento all’irrilevanza del “nomen iuris” utilizzato dalle parti per la qualificazione del rapporto di lavoro sportivo è intervenuta anche la Suprema Corte che così testualmente si è espressa: “la qualificazione attribuita dalle parti al rapporto non ha valore determinante rispetto agli effettivi contenuti dello stesso, ben potendosi pervenire ad una diversa qualificazione, ove si dimostri che l’elemento della subordinazione si sia di fatto realizzato nello svolgimento del rapporto” ed ancora: “nei casi in cui può essere ridotta, per il concreto atteggiarsi del rapporto, l’evidenza immediata della subordinazione, è lecito far riferimento a criteri complementari e sussidiari (“quali la collaborazione, la continuità della prestazione, l’osservanza di un orario predeterminato, il versamento, a cadenze fisse, di una retribuzione prestabilita, il coordinamento dell’attività lavorativa all’assetto organizzativo dato all’impresa dal datore di lavoro) i quali – se individualmente considerati… privi di valore decisivo – ben possono essere valutati globalmente come indizi probatori da parte del giudice di merito” (in tal senso Cass. 6114/1998).

È appena il caso di osservare, che la Corte di Giustizia europea da sempre ha stabilito che l’unico parametro di distinzione sia costituito dallo svolgimento di prestazioni sportive retribuite o non retribuite e, quindi, l’analisi deve essere incentrata sul dato di fatto concreto, indipendentemente dalla qualificazione giuridica attribuita dalla Federazione (in tal senso, Corte di Giustizia, sentenza dell’11 aprile 2000, cause riunite C-51/96 e C-191/97, Christelle Deliège contro Ligue francophone de judo et disciplines associées ASBL, Ligue belge de judo ASBL, Union européenne de judo e Francois Pacquée;  Corte di Giustizia, sentenza dell’8 maggio 2003, causa C-438/00, Deutscher Handballbund e. V. / Maros Kolpak).

In considerazione della giurisprudenza nazionale ed europea sopracitata, i crediti dei calciatori cosiddetti “dilettanti” potrebbero essere ritenuti alla stregua di quelli dovuti ai prestatori di lavoro subordinato e, di conseguenza, in ambito fallimentare, godere del privilegio di cui all’art. 2751 bis n. 1 c.c.

Dott. Luca Fortunato

Praticante Avvocato abilitato al patrocinio

Dipartimento Diritto Sportivo

© RIPRODUZIONE RISERVATA